AUTOCONOSCENZA

Il principio della saggezza si basa nella conoscenza psicologica di se stessi.

POTERE DEL SESSO

Apprendere a maneggiare quest'energia meravigliosa del sesso significa farsi padroni della creazione.

LA LEGGE DEL KARMA

La legge del karma è quella legge che adatta saggiamente ed intelligentemente l'effetto e la sua causa.Tutto il bene ed il male che abbiamo fatto in una vita, ci porterà conseguenze buone o cattive per questa o la prossime esistenze.

QUALITA

L'umanità si trova in momenti difficili. L'uomo s'è dimenticato di “se stesso”, commette errori e le sue conseguenze sono il dolore e le malattie.

ESOTERISMO

San Paolo ci dice nella Bibbia: "possedete un corpo carnale e un corpo spirituale". Disponiamo di pratiche affinché voi stessi vediate uscire la vostra anima dal corpo...

Sul Prana e il pranayama.
Pranayama


Il fuoco arde per il Prana; l'acqua fluisce per il Prana; il vento soffia per il Prana; il sole esiste per il Prana; la vita che abbiamo è Prana.
Nulla potrebbe esistere nell'Universo senza Prana.


PranaNon potrebbe nascere l'insetto più insignificante, ne germogliare il più timido fiore senza il Prana.


Il Prana esiste nell'alimento che mangiamo, nell'aria che respiriamo, nell'acqua che beviamo, in tutto.


Quando l'energia seminale è sublimata e trasformata totalmente, provvede il sistema nervoso di ricchissimo Prana, il quale rimane depositato nel cervello come vino di luce, come energia cristica meravigliosa.


Esiste una stretta connessione tra la mente, il Prana e il seme.


Controllando l'energia seminale con la forza della volontà, avremo raggiunto tutto perché la mente e il Prana, rimarranno allora sotto il nostro controllo. Coloro che spargono il seme non potranno mai nella vita controllare la mente ne il Prana. Questi sono i falliti. 

Chi raggiunge il controllo sessuale, raggiungerà il controllo della sua mente, e il controllo del Prana. Questa classe di uomini raggiungeranno la liberazione. Questa classe di uomini raggiungeranno l'elisir di lunga vita.




Il Pranayama non dev'essere praticato dopo i pasti, ne quando si ha fame. Si realizzi il Pranayama in un luogo solitario e libero da disturbi. Il Pranayama dev'essere praticato con attenzione, perseveranza e fede. 

Il Pranayama non dev'essere praticato dopo i pasti, ne quando si ha fame. Si realizzi il Pranayama in un luogo solitario e libero da disturbi.

Il Pranayama dev'essere praticato con attenzione, perseveranza e fede.

Coloro che sono dediti ai piaceri sessuali, arroganti, disonesti, falsi, calunniatori, traditori e che provano piacere in vane controversie, parole stupide, gli increduli, quelli che convivono per affinità con persone mondane, le persone crudeli e voraci; se non si propongono di cambiare, mai raggiungeranno avanzamento e progresso nei nostri insegnamenti.


Dobbiamo essere amabili con tutti, amare il prossimo e sviluppare la pazienza, la misericordia e la carità cristiana. Dobbiamo essere rigorosi ed equilibrati in quello che concerne il cibo e le bevande.


.: Pranayama Egizio.



Mediante il controllo del Pranayama, potremo controllare la mente, giacché la mente si trova legata al Prana, lo stesso che l'uccello alla corda.
Nella pratica del Pranayama, la respirazione dev'essere ogni volta più lenta.


I passi sono i seguenti:
 

1. Tappi la narice destra con il dito pollice vocalizzando mentalmente il mantra TOM mentre respiri o inali molto lentamente l'aria dalla narice sinistra.

 

2. Tappi la narice sinistra e con entrambe le narici tappate trattenga il respiro (il più possibile) senza forzarsi e pronunciando mentalmente il mantra SAK.
 

 
Pranayama

3. Adesso espiri lentamente dalla narice destra vocalizzando lentamente il mantra HAM.
 

4. Tappi adesso la narice sinistra con il dito indice.
 

5. Inali la vita il Prana, per la narice destra vocalizzando mentalmente il mantra TON. Ritenga adesso il respiro vocalizzando il mantra RA. Chiuda le due narici con le dita indice e pollice.
 

6. Espiri molto lentamente dalla narice sinistra vocalizzando mentalmente la sillaba mantrica HAN.
 

debbano continuare praticando l'esercizio respirando nuovamente dalla narice sinistra (punto 1).

Per cominciare può praticare 10 minuti alla mattina e 10 alla notte.

Qualche tempo dopo può praticare al mezzogiorno e al pomeriggio.


Osservazioni.

  • 
debbano inalare lentamente, con fermezza e con la mente concentrata senza pensare e con ritenzione del respiro, però con comodità.
     
  • debbano esalare con lentezza. E' necessario il controllo del respiro e la concentrazione mentale.
     
  • Deve chiudere gli occhi affinché le cose del mondo fisico non la distraggano. L'iniziato deve acquisire fermezza nella sua postura e stretto autocontrollo, seduto in posizione di fior di loto o il più comodamente possibile.
     
  • Nel Pranayama non debbano emettere nessun suono. Se è stanco e non può respirare normalmente , riposi. All'inizio non trattenga il respiro. Dopo potrà farlo. Inali ed esali lentamente.
     
  • Il luogo destinato al Pranayama non dev'essere secco o umido, nemmeno mal ventilato o sporco. Dev'essere pulito ed ordinato. Con l'esercizio del PRANAYAMA, si vanno purificando i Nadi.
     
  • All'inizio della pratica ci sarà molta traspirazione, debbano asciugare bene il corpo. Con il Pranayama dissipiamo la pigrizia e la lentezza. Con la pratica continua del Pranayama si può raggiungere la LEVITAZIONE.
     
  • Con la pratica costante del Pranayama si ottiene la purificazione dei Nadi brillanti del succo gastrico, acutizzando l'udito occulto e la buona salute.
     
  • Quando il discepolo raggiunge di trattenere il respiro per un tempo maggiore, può raggiungere uno SHAMADI. Mediante la pratica del Pranayama, le malattie croniche saranno estirpate dalla radice e si evidenzia nel corpo: pelle brillante, aumento dei succhi gastrici, fine degli intasamenti, catarri e problemi respiratori.
     
  • Si purifica il cervello, è eliminata l'anidride carbonica, si purifica il sangue, funzionano bene i sistemi digestivi, nervoso e circolatorio. Si raggiunge un'assenza totale di fatica corporale, tutti segni di purificazione.

...la masturbazione sia la causa...

Volevo sapere qualcosa riguardo la masturbazione. Ho notato che dopo essermi masturbato, nonostante si dica che quest'ultima faccia bene alla salute, io mi sento più stanco e "svogliato", cioè non mi va di fare nulla!Non riesco a studiare perchè non riesco a trovare la giusta concentrazione. Penso che la masturbazione sia la causa. Perdo le energie e l'unica cosa che mi va di fare è dormire. Dopo essermi documentato ho deciso: non voglio più masturbarmi.

Soffro di impotenza sessuale assoluta

Sono un uomo di 25 anni di età.Dai 15 anni cominciai a masturbarmi, senza rendermi conto entrai in un dei peggiori vizi dell'uomo dal quale non ho potuto uscire.Attualmente soffro di impotenza sessuale assoluta, non so che fare, non so dove andare, ho rabbia e ira con me stesso, perché pur essendo tanto giovane non posso avere una vita sessuale piena con una donna.

...Sono disperato...

Ho un problema: sono quasi 15 anni che mi masturbo giornalmente. Non avevo mai avuto problemi di scarsa erezione ma ora non riesco piú ad eccitarmi, con la mia partner e da solo. Sono disperato. Che devo fare? É come se fosse morto o solo un'appendice del mio corpo.

Che cosa succede negli adulti?

Mi fissai l'idea che l'informazione data sopra la masturbazione si riferissero in ella ai giovani, che succede negli adulti? Le faccio questa domanda poiché la mia compagna (36 anni) abituata a farlo e quando le ho chiesto il perché non mi ha dato una risposta logica.Abbiamo figli e certamente la nostra vita sessuale non è molto attiva, questo mi ha portato a pensare che ha un "conforto" fuori di casa, però non è così, lui mi detto che si masturba in forma frequente, minimo una volta la settimana.Mi immagino che non è una cosa normale, che posso fare?

È possibile tornare a recuperare la vitalità persa?

Il mio dubbio è il seguente… una volta che cominciai a patire i sintomi della masturbazione, come: perdita della memoria, perdita del rendimento fisico, inadattabilità sociale, ecc. è possibile tornare a recuperarli?Il mio caso: mi masturbo dai 14 anni, ne ho 18, la media di una volta al giorno. Da oggi ho fatto il patto della mia vita: non masturbarmi più… dopo aver letto la sua sintesi sopra la masturbazione, mi mise in chiaro molte cose. Di nuovo la mia domanda: è possibile tornare a recuperare

Mio marito nega di masturbarsi….

Siamo stati sposati 7 anni, abbiamo 2 bambini di 5 e di 1 anno.Mio marito nega di masturbarsi molto, però lui lo fa e non c'è maniera di convincerlo di non farlo.L'ultima volta non riusciva a stare in erezione; lui vede pornografia e ci sono giorni in cui gli piace stare da solo.Sono distrutta emozionalmente e fisicamente, ho 35 anni e lui lo stesso.Non posso trovare una soluzione, lo amo molto e non lo posso lasciare, si sta trasformando in malato gioirno dopo giorno. Per favore aiutatemi ! sto soffrendo e perdendo peso tutti i giorni, la nostra relazione sessuale adesso è nulla.

Per favore ditemi come posso recuperare la potenza sessuale!

Il mio maggior sogno è recuperare quello che ho perso: la potenza sessuale e voglio recuperarla… e desidero che mi diciate cosa la produce.Chiaro che prima mi masturbavo ogni giorno fino dai 14 anni.Adesso ho la mia compagna e si è resa conto che non posso più con lei e sembra che stia con un altro. Grazie per la risposta che mi darete.Per favore ditemi come posso recuperare la potenza sessuale.

Dillo ad un amico